Biglietto

Tra i pezzi unici in esposizione tre opere di Corcos ed un’intera galleria dedicata alla famiglia Ciardi

image_pdfimage_print

Aprirà sabato 17 marzo la 34esima edizione di Antiquaria Padova, la mostra mercato dedicata all’antiquariato che è diventata, negli anni, un punto di riferimento per gli appassionati e i collezionisti di tutto il NordEst.

Quest’anno, l’evento propone ai visitatori un viaggio nell’arte antica, dal Rinascimento al Novecento: a raccontare l’evoluzione del gusto e degli stili ci saranno numerose opere pittoriche di grande valore, ma anche oggetti d’arredamento, arazzi e gioielli.

Tra i numerosi pezzi di gran pregio, si segnalano in particolare due opere di Corcos: un’elegante “Dama in rosa” (Parigi, 1988) e “Stelle e Piero” (Siena, 1989). La Galleria “Arte Cesaro”, poi, presenterà un'esposizione interamente dedicata alla famiglia dei pittori Ciardi. Grande attenzione è stata dedicata anche ai pittori padovani, tra cui Antonio Zanchi e Oreste da Molin.

I NUMERI

 

Circa un centinaio gli espositori, per un numero elevato di pezzi rarissimi, considerando anche l’oggettistica in argento, i gioielli  e i pregiatissimi mobili antichi.

 

LE OPERE

Grande spazio avrà come sempre la pittura, con autentici pezzi da museo: l’opera di Vittorio Corcos Stelle e Piero (in vendita presso Phidias Antiques) è stata esposta alla Mostra Antologica “Vittorio Corcos. Il fantasma e il fiore” (1997), al Museo Fattori di Livorno, poi proseguita alla GAM di Firenze. L’altro Corcos si trova nello spazio espositivo di Leandro Mason, ed è un capolavoro dell’artista delle “joelis femmes”: Elegante dama in rosa, dipinto a Parigi nel 1988.

Da non perdere, poi, l’importante esposizione interamente dedicata alla famiglia veneziana dei pittori Ciardi: il padre Guglielmo (1842-1917) e i figli Beppe (1875-1932), ed Emma (1879-1933). Le opere esposte saranno una ventina tra cui tre grandi Marine di Beppe Ciardi, alcuni dipinti di Guglielmo Ciardi tra cui spicca Mulino sul Sile e alcune vedute di Venezia di Emma Ciardi. Verranno presentate inoltre quattro opere inedite relative ai viaggi all'estero di Emma e Guglielmo.

 

Si segnala inoltre lo straordinario dipinto del grande pittore padovano Oreste da Molin (Piove di Sacco 1856-1921) Diurnisti a due lire datato 1895. Fu esposto alla Prima Esposizione Internazionale d’Arte della città di Venezia nello stesso anno, con grande successo di critica e pubblico. Il dipinto entrò poi nella collezione del Barone Mario Confalonieri, che lo acquistò dallo stesso artista per 3mila lire. L’opera è stata anche esposta nel Museo di Piove di Sacco (paese natale del pittore) durante la grande esposizione commemorativa del 2006. Tra le opere dei padovani, anche una Maddalena di Antonio Zanchi, già esposta a Barcellona (“Jardì d’Eros”) nel 1999

 

Ampio spazio avrà, come sempre, anche l’arredo, con antiche credenze e trumeau, preziose specchiere veneziane, splendidi arazzi e tappeti pregiati, e ancora argenti settecenteschi di grande valore, sculture lignee di Brustolon, opere marmoree, vasi Gallé, vetri Daum e cornici di diverse epoche.

 

Di sicuro intesse anche la sezione dedicata al gioiello, con una presenza davvero qualificata di espositori provenienti da tutto il panorama nazionale: l’offerta - che contempla tanti pezzi unici di straordinaria fattura artigianale - va dalle parure d’epoca déco ai bracciali anni quaranta.

 

Tutti i pezzi esposti (siano dipinti, mobili o gioielli) sono unici e, per lo più, di grande valore artistico ed… economico. Ma non mancherà tuttavia una selezione (in particolare fra l’oggettistica) di offerta destinata a tutte le tasche, per permettere anche a giovani coppie ed appassionati con minore capacità di spesa di aggiudicarsi qualcosa di unico e originale.

 

“Antiquaria Padova”, infine, apre le porte anche all’arte moderna e contemporanea: saranno infatti presenti una rosa di gallerie partecipanti ad ArtePadova, manifestazione fieristica importantissima a livello nazionale ed internazionale, che quest’anno giunge alla sua 29esima edizione. Antico e Moderno, così, si fondono in una commistione armoniosa e originale, la stessa che si trova anche nelle case di molti appassionati che, con maestria e buon gusto, sanno accostare stili e colori molto diversi e, proprio per questo, impareggiabili nel loro insieme.

 

Per chi lo desidera anche quest’anno, durante tutto il periodo dell’esposizione, sarà presente in fiera uno spazio dedicato al restauro e alla consulenza personalizzata.

 

INFORMAZIONI SULLA MOSTRA

Da 17 al 25 marzo

Sabato e Domenica dalle ore 10.00 alle ore 20.00

Lunedì – Venerdì dalle ore 15.00 alle ore 20.00

Inaugurazione su invito: sabato 17 marzo, alle ore 11.00

 

 

Il costo dell’ingresso è di 8 euro, ma sono un centinaio gli esercizi commerciali partner della manifestazione: nei negozi del centro città contrassegnati dalla vetrofania di Antiquaria i clienti potranno ricevere gli inviti che consentono l’ingresso alla manifestazione gratuitamente.